Archivio

Archive for the ‘Storia’ Category

Ci siamo: nasce la Martesana !

mappa dei comuni che formano la Martesana

( liberamente tratto da un articolo ACLI di Orazio Reolon)

Cosa e’ la MARTESANA?

Stanno per “scomparire” alcune provincie e ” nascere nuove aree” , ad esempio come la Brianza .
Presto , anche noi diventeremo una realtà territoriale  politica: la Martesana.
E’ costituita da 28 comuni:
Segrate,Pioltello, Vimodrone,Cernusco sul Naviglio,
Rodano Settala, Liscate ,Vignate,
Cassina de Pecchi, Bussero, Carugate ,
Trucazzano, Melzo, Gorgonzola, Pessano con Bornago,
Pozzuolo Martesana, Bellinzago Lombardo,
Gessate , Cambiago,
Cassano d’Adda, Inzago, Masate,
Vaprio, Pozzo d’Adda, Trezzano Rosa, Basiano, Grezzago, Trezzo d’Adda

La cosidetta zona “Martesana” compresa tra il confine est del comune di Milano ed il fiume Adda, dalle cui acque derivano a Trezzo sull’Adda quelle del Naviglio Martesana che, scorrendo verso Milano, funge da asse di riferimento est-ovest per l’intero territorio (vedi Mappa).

Leggi tutto…

Categorie:Ambiente, Cernusco, Storia

Parco EST delle cave : ieri e oggi

Parco delle cave di Cernusco (file pdf  1.8 MB ,  documento del 2006)
di Arnaldo Brusetti e Giorgio Redaelli

Il presente documento è stato redatto nel   2006 . Il testo e le illustrazioni sono state ottenute dai canali informativi di pubblico dominio.
La città di Cernusco sul Naviglio è situata nella zona a Nord-Est della città di Milano; occupa una superficie di 13,3 kmq, di cui circa 6,4 risultano urbanizzati (aggiornamento Misure – anno 2006); l’espansione prevista dal piano regolatore ammontava a 1,3 kmq, al netto delle varianti e dei Piani integrati di intervento, per un totale urbanizzabile pari al 60% del territorio.

Leggi tutto…

Polveri Sottili in letteratura

Segno dei tempi : ci invia un racconto  “attuale”  lo  scrittore Sergio Rancati.

Polveri sottili

"la vita e' cosi' " di Sergio Rancati

«Il Sole, la splendida stella che domina il sistema planetario al quale appartiene la Terra, emette radiazione elettromagnetica. In questo modo fornisce energia, direttamente o indirettamente, ad ogni forma di vita sulla Terra» recitò il relatore alla platea di ragazzini radunati nella palestra della scuola.

«Tutto il cibo e i combustibili derivano dalle piante che sfruttano la sua luce. Fin dall’antichità il Sole è stato considerato dall’uomo come un’entità dal significato speciale.

Molte culture antiche lo adoravano e ne riconoscevano l’importanza nel ciclo della vita. Oggi siamo qui per capire insieme come sia possibile sfruttare l’immensa energia che il Sole produce e con la quale costantemente illumina e irraggia la nostra terra».

Matteo ascoltava interessato…

Leggi tutto…

“Foresta di Pianura ” a Cernusco

3 maggio 2010 Commenti disabilitati

Molte le associazioni presenti alla presentazione di Giovedi 27 maggio 2010 .La proposta e’ stata accolta con favore , molti gli spunti e i suggerimenti emersi .

CERNUSCO= BOSCO

Bosco del Fontanone

Il verde pubblico è salute per tutti

Una piantumazione capillare, fitta e diffusa a tappeto, non solo nei parchi, ma anche
in ogni aiuola e in ogni via, dove è possibile, con piante e cespugli sempreverdi, soddisfa
il raggiungimento di importanti obiettivi:
1) PROMOZIONE DELLA SALUTE
La presenza massiccia del verde riduce l’inquinamento, aumenta l’assorbimento di
anidride carbonica e la produzione di ossigeno, favorisce l’intrappolamento delle polveri sottili.
2) MIGLIORAMENTO QUALITATIVO DELL’HABITAT
Una città-bosco sempreverde, una città-giardino fiorita, creano una situazione di benessere, di piacere di vivere la città, di soddisfazione della propria scelta abitativa. Infatti una rinaturalizzazione del territorio con le sue peculiarità e una meticolosa piantumazione con piante e cespugli sia sempreverdi che a foglie caduche ripristinano l’equilibrio del nostro ecosistema.
3) VALORE CULTURALE e VALENZA EDUCATIVA
La realizzazione di percorsi didattici nei parchi, il coinvolgimento delle scuole nelle attività di salvaguardia del verde, la valorizzazione della biodiversità, avvicinano i nostri giovani alla natura, responsabilizzandoli nella tutela di questo patrimonio.

MODALITA’ DI INTERVENTO
a) Parco dei germani/parco degli aironi:
– massiccia piantumazione con piante e cespugli tipici dei nostri luoghi, sia sempreverdi che non. A tale scopo è possibile anche richiedere una fornitura gratuita di alberi, attingendo a progetti e disponibilità di Enti Pubblici quali Regione, Provincia, Corpo Forestale
– individuazione di percorsi didattici, fruibili da parte di tutte le scuole, che tengano conto
della biodiversità della flora (si suggerisce di indicare su appositi cartelli il nome
scientifico delle piante)
– realizzazione di un bosco da lasciar sviluppare in modo spontaneo, tale da rappresentare un esempio di habitat naturale da inserire in un percorso didattico
b) Lungo Naviglio:
– piantumazione fitta con vegetazione idonea: piante quali salici, sambuchi, gelsi, pioppi,
intercalati a cespugli quali rovi, miglio selvatico, canneti, che favoriscono la presenza di uccelli e animali di piccola taglia.

c) Completamento del verde cittadino:
– strade: meticoloso controllo degli elementi mancanti nelle vie già piantumate; piantumazione ex novo ove possibile.
– aiuole , parcheggi, rotatorie e spartitraffico: collocazione di cespugli e piante sempreverdi utilissimi per il trattenimento delle polveri sottili.
d) bosco spontaneo situato in località “Fontanone”: destinazione ad area naturalistica protetta e suo collegamento alla zona del Quagliodromo per la valorizzazione di questo territorio
e) rinaturalizzazione della zona nord-est con ripristino della tipica piantumazione con pioppo cipressino e gelso.
f) percorsi didattici:
– collaborazione con i docenti delle scuole elementari e medie per l’individuazione e la realizzazione di percorsi naturalistici, sia di tipo botanico che ecologico in senso più generale, che servano anche per la conoscenza e la valorizzazione delle rogge presenti sul nostro territorio.
– coinvolgimento delle scuole primarie , della Agesci-Scout, della Scout CNGEI Laici, della Pro-loco, che hanno già dato la loro disponibilità, nella messa a dimora degli alberi